Milano sempre più turistica, così ci raccontano gli ultimi dati del settore. Tante sono, naturalmente, le proposte che troviamo per l’ospitalità, tra cui il B&B Isola Libera che si tova vicini ai Navigli milanesi.

Il B&B è il risultato di una ristrutturazione di un ex laboratorio vicino al Naviglio Grande. Ogni unità ha accesso indipendente e bagno privato, e aree comuni. L’allestimento interno prevede l’uso di installazioni e opere d’arte che saranno proposte in vendita agli ospiti.

In un cortile interno di una piccola struttura industriale a due piani degli anni ’50, nelle adiacenze del Naviglio Grande a Milano, è stato ricavato questo piccolo bed and breakfast di tre camere, realizzato con un budget contenuto. L’idea di progetto è di creare una sorta di “art-hotel” con camere tutte differenziate, una galleria d’arte in cui viene esposta a rotazione una collezione di quadri e di sculture in legno e ferro realizzati da uno stesso artista.

 

 

La memoria post industriale del luogo ha suggerito l’uso di forme essenziali, che si sono integrate perfettamente con l’esigenza di ottenere ambienti quanto più “neutri” per mettere in risalto le opere d’arte. I corpi illuminanti quindi sono downlight orientabili ad incasso o semplici lampade tecniche, e gli arredi sono minimali, con qualche misurato pezzo vintage acquistato nei mercatini.

Le pavimentazioni in gres porcellanato hanno l’aspetto del legno sbiancato invecchiato; la stessa pavimentazione delle camere entra anche nei bagni  rivestendo la parete di fondo delle docce e sottolineando il gioco di volumi delle pareti e delle nicchie.  Piccole architetture in muratura definiscono pareti attrezzate con semplici barre che fanno da armadio e ripiani di supporto  per le sculture.

 

Progetto :      Alfaeffestudio – arch. Antonella Ferrari – via G. A. Amadeo 57 – Milano   www.alfaeffestudio.com

Pavimenti e rivestimenti : Ceramiche Santagostino

Opere:            Luca Rendina – www.lucarendina.com

Fotografie:    Max Muià – www.maxmuiaphoto.com