Manca sempre La stanza che non c’è, ma Il Giardino di Corten ha voluto pensarla e crearlaE’ innanzitutto un’idea, tanto originale, quanto versatile, per dare un riparo protetto alle più svariate “cose” o per creare un ambiente in un giardino, in riva al mare, nello spazio outdoor di un hotel.

Realizzata in acciaio corten, un materiale dalla forte personalità in continuo divenire, dove le nuance dei colori della terra ben si armonizzano nei contesti sia moderni che tradizionali, è una casetta che può essere progettata con le misure che più si adattano alle esigenze di chi la utilizza.
Nel residenziale, la stanza che non c’è è un ricovero per gli attrezzi da lavoro, una sala lettura, uno studiolo, una zona relax o appositamente “vestita” una sauna; una piccola rimessa per le bici o una stanza per il bricolage.
Nell’hotellerie può essere anche qui una sauna o una zona riparata, ma al tempo stesso aperta, per i massaggi; uno spazio wellness o una sala lettura; una sala per i giochi dei più piccoli o un deposito per le biciclette degli ospiti.
In altre parole è la creatività del designer che trova nell’esperienza de Il Giardino di Corten il partner qualificato e affidabile con cui dare struttura ai suoi progetti.

Caratteristiche tecnico-costruttive
La stanza che non c’è può essere realizzata in diverse dimensioni; è componibile, facile da installare in quanto può essere posizionata direttamente a terra, su pavimento predisposto, oppure fornita con pavimento in doppia lamiera e coibentazione. La tenuta termica è assicurata da monopannelli sistemati sulle pareti; il materiale (cor-ten) garantisce elevata resistenza meccanica e alla corrosione, mentre gli spessori contenuti sono sufficienti per avere comunque grande resistenza. Lavorando in edilizia libera, non necessita di permesso di costruzione.

Non resta che decidere chi avrà accesso a La stanza che non c’è!