Si chiama fitoalimurgia la botanica delle piante alimentari, cioè lo studio delle specie vegetali orientato al loro uso gastronomico.
Pensato per gli chef o per chi sogna una carriera dietro ai fornelli, per gli amanti della cucina naturale, per i vegetariani o semplicemente per chi ama la natura e vuole ricreare un contatto speciale con essa… Selvatica è il corso professionale “green” e “stellato” di 5 giornate (divise in due moduli da 3 e 2 giornate), organizzato dal Ristorante Gardenia di Caluso, nel Canavese, in provincia di Torino, per imparare a trattare le erbe spontanee, dal bosco alla tavola.
Rumex acetosa, alchemilla ventaglina, silene bubbolina, bistorta, ajucca, erba Buon Enrico, aglio orsino, crescione di sorgente, acetosella… Le erbe edibili sono tantissime ma è necessario, non soltanto saperle riconoscere evitando errori di identificazione e rischi per la salute, ma anche raccoglierle consapevolmente, pulirle senza alterarne le proprietà e conservarle correttamente.
Non solo: la sfida che lancia Selvatica è quella di portarle in cucina in ricette gourmet da veri professionisti.
Mariangela Susigan, chef stella Michelin che ha fatto delle erbe spontanee l’ingrediente principe della sua cucina, Mauro Vaglio, studioso erbolaro conoscitore di oltre 380 piante edibili e Lucia Papponi, naturalista specializzata in etnobotanica e foraging, sono i tre esperti docenti del corso professionale di specializzazione sulle erbe spontanee.
Il primo modulo del corso (14-15 e 16 maggio) sarà una full immersion, zaino in spalla e scarponi ai piedi, alla scoperta di oltre 50 erbe selvatiche della Valchiusella: dal riconoscimento alla raccolta consapevole fino alla classificazione botanica e ai metodi di pulizia e conservazione.
Durante il secondo modulo (22 e 23 maggio) ci si sposta nella cucina stellata di chef Susigan per una lezione ai fornelli che promette di svelare tutti i segreti della grande chef regina delle erbe.
Le erbe raccolte diverrano, nelle mani esperte di Mariangela, gli ingredienti inediti, salutari e profumatissimi di piatti e ricette gourmet e molto green.

E’ possibile scegliere di partecipare ad un solo modulo o ad entrambi.
Costi: un modulo 500 euro, due moduli 890 euro
Il costo è comprensivo di tutti i pranzi e del materiale didattico (Manuale “La cucina delle erbe spontanee di Mariangela Susigan e Alberto Gilmozzi – Giunti Editore – grembiule – taccuino)

DOCENTI

Mariangela Susigan è l’anima del Ristorante Gardenia di Caluso, ristorante che vanta una stella Michelin da 18 anni. Le erbe selvatiche che crescono nei prati e nei boschi della Valchiusella sono il cardine della sua cucina: oltre cinquanta piante, frutti e fiori che cambiano con il mutare delle stagioni. I suoi piatti hanno un’impronta molto personale, in equilibrio tra tradizione e spirito innovativo.

Mauro Vaglio, studioso erbolaro, si occupa di ricerche e studi sulle erbe spontanee commestibili. Collabora e insegna in numerose Associazioni del Piemonte della Valle D’Aosta e della Liguria con lo scopo di diffondere la conoscenza e il rispetto delle piante, oltre che mantenere vive e tramandarne le tradizioni e gli utilizzi. E’ autore di diversi libri e conoscitore di oltre 380 piante commestibili diffusamente utilizzate in passato per scopi alimentari.

Lucia Papponi, naturalista, è specializzata in etnobotanica, una disciplina che coniuga botanica, fitoalimurgia e antropologia culturale. Esperta di specie spontanee e fiori eduli, è appassionata di foraging e di cucina del territorio. E’ autrice di pubblicazioni scientifiche e articoli su riviste specialistiche.