Forti, pieni di vita, vulcanici e sempre allegri, Danilo e Luca quattro anni fa hanno dato vita a Viaggio Italia, un viaggio speciale fatto di sport (anche estremi), incontri, prove e sfide… tutte affrontate a bordo della loro carrozzina!

Una amicizia importante la loro che è nata nei corridoi dell’Unità Spinale di Torino oltre 20 anni fa, dopo un incidente, un evento drammatico che Danilo e Luca hanno scelto di vivere come “un inizio”. L’inizio di una nuova vita, di un nuovo modo di vedere le cose, di una nuova avventura.

L’obiettivo del viaggio è dimostrare che vivere (e non sopravvivere) con una disabilità è possibile: chiunque ha diritto di viaggiare, lavorare, fare sport, innamorarsi di luoghi e persone, conoscere, incontrare, imparare, aiutare gli altri

Danilo Ragona è un progettista e designer (e ha vinto la Menzione d’onore Compasso d’oro nel 2011), Luca Paiardi è architetto e musicista (è il bassista degli Stearica), il loro Viaggio Italia è una storia di coraggio, libertà e autonomia, un inno all’amore per la vita e alla forza di non arrendersi di fronte alle difficoltà, alla scoperta dei propri limiti con il desiderio di superarli o anche solo di riconoscerli.

Iniziato come una scoperta di se stessi, di anno in anno Viaggio Italia è cresciuto e diventato sempre più importante, esteso e ambizioso. Strutturato come un viaggio a tappe, nella scorsa edizione Viaggio Italia è sbarcato per la prima volta in Europa, a Fuerteventura. Quest’anno l’avventura di Danilo e Luca cresce ancora: dall’Europa al mondo, Viaggio Italia arriverà fino a Rio de Janeiro, in India e in Sud Africa.

La tappa in Brasile, dal 9 al 19 febbraio, vede Danilo e Luca partecipare al celebre Carnevale di Rio. Ma non solo: percorsi off road a bordo della Jeep allestita con i comandi di guida, incontri con gli atleti paralimpici e visita a uno dei centri specializzati nella riabilitazione, per portare la loro storia alle persone disabili ricoverate e parlato di innovazione inclusiva all’Istituto Europeo di Design di Rio.

Dal Sud America all’Asia, dal 23 luglio al 5 agosto Viaggio Italia fa tappa in India, a Ladakh. Ladakh è una regione dello stato federato Jammu-Kashmir che confina con la Cina e il Pakistan ed è incastonata tra le incredibili catene montuose del Karakorum e Himalaya. Passando per le città di Delhi e Leh, fino ad arrivare al villaggio di Lamayuru, sede di uno dei più grandi e antichi monasteri buddisti di tradizione tibetana sul suolo indiano. Un’esperienza unica di spiritualità e bellezza, a contatto con la popolazione locale, resa possibile grazie a Lufthansa, partner ufficiale per i voli a lungo raggio, all’associazione Orient@menti e all’amico Mario Stefani, impegnati in un bellissimo progetto di sostegno ad una scuola del posto.

La terza tappa extra-europea ha luogo a Dubai, alla fine di ottobre. Tra le tante avventure tappa obbligata alla zip line più lunga del mondo: 950 metri di lunghezza a 170 metri d’altezza, il volo tra i grattacieli di Dubai è da brividi!

Dagli Emirati Arabi al Sud Africa, a novembre Viaggio Italia arriva in Botswana, dove Danilo e Luca parteciperanno a un safari in campo tendato completamente accessibile, a contatto con la vita selvaggia, in compagnia di altri viaggiatori. Un tuffo nel cuore pulsante dell’Africa, durante il tour i due amici vivranno un mix autentico di natura e cultura grazie all’incontro con la popolazione locale: i Boscimani.

Da un continente all’altro ma senza dimenticare l’Italia! La prima tappa nel nostro Paese è stata a Milano, il 27 febbraio, per la sfilata di moda Inclusive 2018, proposta dalla Iulia Barton – Inclusive Fashion Industry, il cui scopo è quello di portare sulle passerelle internazionali contesti sociali da sempre tenuti fuori dall’industria moda. A seguire Bologna, dal 18 al 20 aprile, in occasione fiera Exposanità; Torino, al Salone del Libro, per la presentare la nuova Graphic Novel ispirata a Viaggio Italia e Ravenna, dall’11 al 18 maggio, per una nuova esperienza sulle moto da strada riadattate dell’associazione Easy Readers Onlus. E poi ancora Andora e Roma… passando per la Corsica!

Tante tappe per un Viaggio non potrebbe esistere senza il supporto di tanti Partner che, con il loro contributo e sostegno, credono in questo progetto e al messaggio di alto valore sociale che porta con sé: il Main Sponsor Fiat Autonomy e gli Sponsor Able to Enjoy, SKF, Off Carr, Meliá Hotels International. Partner ufficiale per i voli a lungo raggio Lufthansa.

Viaggio Italia è un viaggio intenso, emozionante, faticoso fatto di sport estremi, incontri, peripezie. Tra le tante avventure ci sono infatti due cose che in ogni tappa non mancheranno mai: lo sport e le visite nelle unità spinali. Le Unità Spinali perché sono il posto dove chi ha avuto un incidente, come Danilo e Luca, inizia a capire come riprendere a vivere. L’impegno è quello di portare in questi luoghi un messaggio semplice, fatto di esempi e testimonianza, per raccontare che la vita in autonomia è possibile!

Lo sport è fondamentale per Danilo e Luca. È stato uno strumento di riabilitazione dopo l’incidente e oggi è il loro modo di raccontarsi. Luca è il nr. 7 in Italia di Tennis in carrozzina ma in Viaggio Italia lo vedremo cimentarsi, insieme a Danilo, in imprese molto diverse, dal surf allo sci, dal rally al parapendio.

Viaggio Italia non potrebbe esistere se non ci fossero le nuove tecnologie che consentono a Danilo, a Luca e a tutti coloro che vivono la disabilità di superare i propri limiti e sognare sempre più in grande. Nessuno lo sa meglio di Danilo, che nella vita ha creato Able to Enjoy e progetta carrozzine e ausili per la disabilità, soluzioni innovative per un nuovo concetto di mobilità.

Ma Viaggio Italia è anche fatto di solidarietà: sono tante le iniziative solidali che ogni anno Danilo e Luca scelgono di incoraggiare e sostenere e per farlo in modo sempre più capillare e diretto, i due amici, con l’aiuto di diversi altri partner, hanno fondato B-Free, associazione no profit con lo scopo di sostenere, promuovere e sviluppare progetti sull’accessibilità e l’eliminazione delle barriere architettoniche.