Affacciata sul Golfo di Saint-Tropez, illuminata dalla luce naturale che filtra delle vetrate panoramiche, questa villa contemporanea coniuga il blu del mare e la natura mediterranea della costiera francese con una scelta ricercata per gli interni, in cui si inseriscono con stile gli arredi Frag.
Nel progetto, frutto di una collaborazione a più mani tra lo studio di architettura francese 2DMO e lo studio di decorazione Dorga, sono stati inseriti alcuni arredi della collezione Frag, proposti in questa occasione con rivestimenti dalle tonalità naturali e rilassanti, un fil-rouge che mette in relazione l’architettura della villa con la progettazione degli interni.

Nella luminosa sala da pranzo, collegata visivamente sia alla cucina che agli spazi esterni attraverso ampie vetrate, spiccano attorno al tavolo le poltroncine Olimpia, rivestite in pelle e con struttura in ottone spazzolato.

Olimpia, disegnata da Dainelli Studio, è una seduta che unisce estetica e funzione in un gioco dove la struttura sostiene e ricalca la silhouette di seduta e schienale senza quasi toccarla, come una sorta di tratto disegnato senza mai staccare la punta della matita dal foglio. La scocca imbottita è impreziosita da impunture capitonné che aggiungono carattere alla seduta, configurando Olimpia come un arredo dalla personalità decorativa e molto contemporanea. Grazie alla segnata struttura metallica, Olimpia sembra dialogare con gli altri arredi della sala da pranzo, anch’essi caratterizzati da elementi metallici, così come con le lampade e gli infissi delle vetrate.

Al piano superiore, l’atmosfera rilassante e immersiva viene rimarcata dalla continua presenza di vetrate panoramiche che permettono una visione totale dell’ambiente circostante, dalla scelta di tonalità chiare e naturali, cosi come nella scelta dei materiali degli arredi. Nella stanza da letto trova spazio quindi un angolo dedicato alla scrittura e alla lettura realizzato con uno scrittoio Twain accompagnato da una poltroncina Doa, posto frontalmente alle vetrate, quasi a voler invitare a prendersi una pausa per rimirare il mare all’orizzonte.

Twain, disegnato da Gordon Guillaumier, è uno scrittoio descritto da una struttura in metallo brunito, piacevolmente sinuosa e arrotondata, a cui si appoggia un piano rivestito in pelle, accessoriato di cassetti e nicchie funzionali. Un oggetto che reinventa con spirito contemporaneo il classico secretaire, arricchendolo con materiali preziosi.

Ad accompagnare lo scrittoio è stata scelta la poltroncina Doa, disegnata da Alessandro Dubini, nella sua versione con braccioli. La seduta rivestita in morbida pelle viene sostenuta da una struttura in legno di noce, disegnando una silhouette armoniosa ed accogliente.

Nella villa è stato ricreato un ulteriore angolo dedicato al relax arredato finemente con la poltrona a pozzetto Hollow di Christophe Pillet, interamente rivestita in pelle e caratterizzata da forme monolitiche che fanno da contrappunto al suo comfort estremo, accompagnata dal tavolino Motif. Disegnato da Andrea Mancuso di Analogia Project, Motif è un tavolino dall’estetica ricca e decorativa, che si contrappone e bilancia alla semplicità della struttura in tondino metallico che definisce le gambe. Il piano, realizzato con piccole tessere di cuoio, rendono Motif un oggetto “sartoriale” dall’alto valore estetico.

I pezzi Frag si inseriscono nel progetto di questa villa in totale armonia con l’architettura e gli altri arredi, dimostrando la capacità dell’azienda di proporre non solo degli oggetti d’arredo ma delle vere e proprie suggestioni estetiche per ricreare un universo abitativo raffinato e contemporaneo.

Credit photo: Studio Erick Sailletpour une réalisation Dorga